• Presidio Turistico Oliena Galaveras
  • 0784 286078
  • info@visitoliena.com

Oliena

Oliena è uno dei paesi più caratteristici e suggestivi dell’area centro orientale della Sardegna, nel cuore della Barbagia e a soli 30 Km dalle splendide coste del Golfo di Orosei. Posto alle falde del maestoso monte Corrasi, definito “le Dolomiti sarde” per le sue rocce calcaree che assumono fantastiche colorazioni che variano nelle diverse ore del giorno.

A soli 7 Km dal paese le sorgenti di Su Gologone, richiamano folle di turisti in ogni periodo dell’anno. Numerosi i siti archeologici tra i quali: il complesso nuragico di “Sa Sedda e sos Carros” tuttora oggetto di scavi e il villaggio nuragico di Tiscali, detto anche il villaggio fantasma perché nascosto all’interno di una dolina.

Oliena è anche il paese delle case fitte fitte che si affacciano sulle cortes e dalle viuzze con il caratteristico acciottolato. Meritano una visita le numerose chiese di interesse storico e architettonico dove si possono ammirare opere d’arte risalenti al 1400 e al 1600, come le statue in Estofado de oro e il prezioso Retablo del Maestro di Oliena e il Collegio ex Gesuitico. Le numerose feste e tradizioni rappresentano da sempre un forte richiamo turistico.

Impedibili i riti della Settimana Santa, che culminano la domenica con la cerimonia di S’ Incontru, cioè l’incontro che avviene il giorno di Pasqua tra il Cristo Risorto e la Madonna accompagnati da una folla di fedeli in costume. La festa grande è quella dedicata a San Lussorio (il 21 agosto), eccezionale occasione per ammirare durante la processione religiosa la bellezza dei costumi impreziositi dagli splendidi ricami.

Momenti speciali si rivivono durante la festa di Cortes Apertas (nel secondo fine settimana di settembre), quando gli olianesi aprono ai visitatori le loro antiche case dove gli artigiani locali sono intenti nella lavorazione dei ricami, della pelle, del legno e nella produzione del pane carasau, dei dolci, dell’olio e del vino. Cortes Apertas è anche un importante appuntamento culturale grazie alle mostre d’arte che ogni anno vengono allestite con grande fantasia e originalità.

Oliena deve la sua fama anche ad un’antica esperienza gastronomica che ancora oggi i ristoratori ripropongono nei gustosi piatti di pasta fatta a mano, degli arrosti di porcetto e agnello dorati e profumati dagli aromi delle erbe mediterranee e, per concludere, è impossibile resistere alla tentazione dei dolcetti di pasta frolla, mandorle e miele fatti secondo antiche ricette gelosamente custodite. La sublimazione di questi cibi è assicurata dall’abbinamento con il famoso vino Nepente decantato da D’Annunzio, Cannonau dal grande carattere e dal gusto unico.

Testi a cura di Galaveras